Numero Verde 800 910 625

Un'illusione indotta nella mente, grazie all'uso di video e computer, per ridurre il dolore causato dall'artrite. O addirittura farlo scomparire, almeno per un po’. E’ questo il senso dell’esperimento condotto dai ricercatori dell'Università di Nottingham, UK, che hanno testato una nuova tecnologia sui pazienti con diagnosi di osteoartrite. I risultati dello studio su Rheumatology.

Una proteina artificiale creata in laboratorio a partire da una proteina naturale, la progranulina, è in grado di contrastare la progressione dell'artrite reumatoide nei topi. La scoperta, che potrebbe avere importanti ripercussioni sullo sviluppo di nuovi approcci terapeutici anche per le persone che soffrono della malattia reumatica, è di un team di ricercatori cinesi e statunitensi guidati da Chuan-ju Liu.

Un enzima, prima ritenuto responsabile di alcuni meccanismi infiammatori, è ora candidato a fattore di protezione, antiinfiammatorio, contro la degenerazione delle articolazioni che caratterizza l'artrite reumatoide. A suggerirne la nuova funzione, opposta a quella finora ipotizzata, è un gruppo di ricercatori dell'Università di Gothenburg (Svezia) in uno studio pubblicato su Journal of Clinical Investigation.

Consumare elevate quantità di aglio, porri e cipolle abbasserebbe il rischio di osteoartrite dell’anca. Lo affermano alcuni ricercatori britannici del King's College di Londra e dell’University of East Anglia guidati da Frances Williams, in uno studio pubblicato su BMC Musculoskeletal Disorders. La ricerca evidenzia l’importanza della dieta come fattore capace di influenzare l’insorgenza della malattia e apre nuove prospettive per lo sviluppo di farmaci che contengano le sostanze protettive presenti in questi vegetali.

La Sclerodermia è una malattia cronica ed evolutiva caratterizzata da fibrosi della cute che può nel tempo estendersi anche agli organi interni e dal fenomeno di Raynaud, che si manifesta con un tipico pallore delle dita delle mani e dei piedi. Il pallore è dovuto alla diminuzione dell’afflusso di sangue alle dita e si accompagna, generalmente, ad una diminuzione della temperatura cutanea, a dolore ed ad alterata sensibilità. Per questo è associata a forti dolori alla mano da vasospasmo, ischemia digitale, tenosinovite e intrappolamento del nervo.

Per nove italiani su dieci il dolore e la rigidità articolare mattutini associati all'artrite reumatoide limitano la quotidianità. Per loro oggi è disponibile una nuova soluzione farmacologica: un cortisonico che combatte l'infiammazione di notte e allevia la rigidità al mattino. Si tratta di prednisone a rilascio programmato, approvato definitivamente in Italia lo scorso dicembre.

Parla Giovanni Lapadula, professore Ordinario di Reumatologia, Direttore del Dipartimento di Medicina Interna  e Medicina Pubblica (DiMIMP), Università di Bari, Sez. di Reumatologia del DiMIMP, in occasione dell'incontro "Malattie reumatiche: verso una terapia dal volto umano"

Al Ministro della Salute, Ferruccio Fazio
Al Ministro per l’Economia e le Finanze, Giulio Tremonti
Al Ministro per il Lavoro e Politiche sociali, Maurizio Sacconi;
Al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Carlo Giovanardi
Al Sottosegretario alla Salute, Francesca Martini
Al Sottosegretario alla Salute, Eugenia Roccella

Le cellule staminali del sangue prelevate dal cordone ombelicale potrebbero essere utili nel trattamento dell’artrite reumatoide (AR). Lo sostiene una ricerca condotta con esperimenti in vitro su cellule coltivate in laboratorio e prove in vivo su modelli animali, in cui le cellule staminali mesenchimali (MSC) sono state in grado di ridurre l’infiammazione e i sintomi legati all’artrite reumatoide. Lo studio, guidato da Zhan-guo Li dell’Università di Pechino, è stato pubblicato su Arthritis Research and Therapy.

L’importanza di una terapia efficace, sicura e tempestiva contro le malattie reumatiche: i successi della scienza e i vincoli dell’economia. Parla Giovanni Minisola, Primario Divisione di Reumatologia dell'Ospedale di Alta Specializzazione San Camillo di Roma, in occasione dell'incontro "Malattie reumatiche: verso una terapia dal volto umano".

Priorità nelle agende politiche sanitarie, attenzione alla qualità di vita sociale ed economica del paziente, e aumento dei fondi per la ricerca. Questi i punti principali delle raccomandazioni emerse al termine della “EU Presidency Conference on Rheumatic and Musculoskeletal Diseases”, l’assemblea organizzata dalla presidenza belga dell’Unione Europea in collaborazione con EULAR (European League Against Rheumatism) il 19 ottobre a Bruxelles.

Si chiama secukinumab, ed è un anticorpo che potrebbe aiutare i malati di artrite reumatoide a diminuire il gonfiore e il dolore alle articolazioni. La molecola è stata messa a punto dai ricercatori del Novartis Institute for BioMedical Research di Basilea (Svizzera), guidati da Franco Di Padova, ed è in grado di calmare l’infiammazione nei pazienti che soffrono di artrite reumatoide o di altre patologie autoimmuni, come l’uveite e la psoriasi. Le potenzialità dell’anticorpo, ancora alla fase sperimentale, sono state presentate su Science Translational Medicine.
Scaffale
Sinergia-dicembre-2017.smallcoverGiornale Ufficiale dell'Associazione Nazionale Malati Reumatici Dicembre 2017
Download  
Sinergia Settembre 2017Giornale Ufficiale dell'Associazione Nazionale Malati Reumatici Luglio 2017
Download  
sinergia cover dic 2016Giornale Ufficiale dell'Associazione Nazionale Malati Reumatici Dicembre 2016
Download